Aniti al Festival delle Letterature Migranti – Palermo 17-21 Ottobre 2018

20181017_182606(di Rossella Tramontano). Dal 17 al 21 Ottobre, a Palermo, si è tenuto il Festival delle Letterature Migranti, promosso da Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018, dall’Associazione Festival delle Letterature Migranti, insieme al Comune di Palermo, alla Regione Siciliana, l’Università degli Studi di Palermo e numerosi altri enti pubblici e privati. Un programma letterario di quasi 90 incontri si è intrecciato alle sezioni dedicate all’arte contemporanea, al teatro, alla musica e al cinema; 40 libri contenuti in 8 scatole narrative, insieme a tavole rotonde, presentazioni di libri, approfondimenti, workshop, laboratori, mostre, proiezioni, performance.

Aniti ha partecipato proponendo, a sigle riunite con StradeLab, una rosa di 5 eventi inseriti all’interno della sezione Letteratura, per la scatola narrativa Lost&Found in Translation.

L’idea nasce da una riflessione sul linguaggio che l’esperienza migrante porta con sé. Una riflessione che accende i riflettori sul valore della traduzione e della mediazione culturale e sulla loro funzione, che è letteraria ed è etica, fabbricando un ponte di corda tra mondi diversi. Sulla coscienza che tradurre vuol dire perdere e trovare, non coincidere ma avvicinarsi: la distanza che permane non è un’anomalia ma il luogo in cui l’umano si rivela.

L’evento ha avuto inizio Mercoledì 17 con la presentazione, nella suggestiva cornice del Complesso dello Steri a Palermo, dei progetti di una Casa delle letterature e di un Open Art Museum che nasceranno a breve in città e ha proseguito per cinque giorni con un nutrito cartellone denso di novità straniere.

20181017_174744steri20181017_174822

 

Ve20181019_171225nerdì 19 Ottobre, alle ore 17:00, presso la Chiesa di Sant’Antonio Abate sita all’interno dello Steri ha aperto le danze la tavola rotonda Così vicini, così lontani: Tradurre i libri per l’infanzia con Maria Giaramidaro, Loredana Serratore, Samanta K. Milton Knowles e moderatore Claudia Valeria Letizia. La letteratura straniera è una fetta importante dell’editoria per l’infanzia in Italia. Due traduttrici e un’esperta di libri per bambini hanno illustrato al pubblico cosa si traduce per i più piccoli, perché, quali sono le sfide traduttive specifiche lungo un’interessante panoramica mitteleuropea.

 

A seguire, alle h 18, presso la Biblioteca Vittorietti è stato il momento della tavola rotonda nella quale io stessa ho fatto da relatrice in una riflessione a due voci con il Prof. Antonello Velez, associato di Lingua e traduzione francese presso l’Università di Palermo sul tema La figura del mediatore linguistico nel contesto dell’emergenza sbarchi. La nostra socia Rosy Calamita ha moderato l’evento.
Focus della nostra tavola rotonda è stata la definizione della figura dell’Interprete e Traduttore che, oggi più che mai, a causa dell’emergenza migratoria, diviene elemento imprescindibile per garantire i diritti degli stranieri. Ma compito delle associazioni, delle autorità e dei professionisti stessi è attivarsi per garantire, anche e soprattutto, i diritti dei lavoratori italiani. Per far ciò è  necessaria una riconfigurazione di questa figura, cosa di cui la normativa tarda a prendere atto e che deve essere obbligatoriamente fondata su quattro pilastri: denominazione, lingua, formazione e retribuzione.

Grande soddisfazione è venuta dal vedere la sala completamente piena, la presenza dei soci siciliani e l’attenzione di tanti colleghi periti che generalmente restano nell’ombra.

a20181019_17573820181019_200802

 

manaraga

 

Sabato 20 Ottobre, h19:00, nel Chiostro si è tenuto Manaraga. La montagna dei libri. “Manaraga”, è l’ultimo romanzo distopico di uno dei maggiori autori russi contemporanei ed è stato il pretesto per un reading-conversazione con Vladimir Sorokin e Denise Silvestri, la sua traduttrice italiana. Tra letture in russo e italiano, si è parlato di libri, letteratura e traduzione e del loro posto nel mondo. Ha moderato abilmente Francesco Caruso. Eva Valvo di StradeLab ed io sempre presenti tra il pubblico. Una collaborazione riuscitissima!

 

   

 

 

DreamingMurakami_poster_A4Infine, domenica 21, in prima assoluta, è stato proiettato il docufilm di Nitesh Anjaan, Dreaming Murakami. Storia di una traduttrice. La protagonista è Mette Holm, traduttrice danese del famoso autore giapponese. L’abbiamo vista  viaggiare tra Danimarca e Giappone, scrivere e parlare con tante persone, inseguita da un ranocchio gigante che evoca le atmosfere fantastiche e rarefatte di Murakami.

 

isola_cover

 

Ultimo evento a chiusura di Lost&found in translation è stato, alle 18 il reading con l’autrice Siri Ranva Hjelm Jacobsen e la traduttrice  Maria Valeria D’Avino, dal titolo Da un’isola all’altra, la memoria migrante. Ha moderato Eva Valvo.

 

 “Isola” è un romanzo d’ispirazione autobiografica ambientato tra le Isole Faroe e la Danimarca. In un reading che è anche conversazione, tra letture in originale e in traduzione, l’autrice si è confrontata con la sua traduttrice, per parlare di isole, migrazioni, identità e del bisogno di un’Itaca dell’anima.